martedì 3 gennaio 2017

#2017 UNA NUOVA PARTENZA #ARGENTINA

@ARGENTINA 


Quando lasciai l'Argentina lo scorso anno, per rientrare in Paraguay,giurai a me stesso che prima o poi sarei ritornato nel Paese che ha dato i natali al CHE. 
L'Argentina, è un Paese che ho sempre voluto visitare fin dai miei primi viaggi in terra latinoamericana, ma un pò per i prezzi proibitivi dei voli, un pò per innumerevoli altri motivi,non avevo mai avuto il piacere di visitarla.
Lo scorso anno ci sono andato molto vicino, anzi a dir la verità ho anche calpestato la terra argentina, ma solo per un paio di giorni, in occasione della nostra visita alle cascate di Iguazu.
Sono passati solo dieci mesi dal giorno in cui attraversammo il ponte sul rio Paranà che collega Posadas con Encarnacion, e non avrei mai pensato di essere di nuovo in partenza, proprio per quelle terre, a così breve distanza.


 L'amore per l'America latina è così forte, che non ho potuto aspettare, quindi mi appresto a visitare l'Argentina, con molte aspettative e tanti sogni da realizzare. Uno fra tutti quello di poter calpestare la leggendaria RUTA 40, che percorre da sud a nord l'intero Paese in uno scenario lunare, che va dalla Patagonia fino alle ande ai confini con la Bolivia. Poi ci sarà Buenos Aires, e i suoi porteños, che ci accoglieranno con le note del Tango e gli squisiti asados.


 Sono stati giorni di intensa preparazione, non sui luoghi da visitare, anche perchè mi farò trasportare ancora una volta al momento, ma sulla storia, la musica, e i personaggi più illustri del Paese. Tanti, gli scrittori che mi hanno accompagnato in questi giorni tra le strade di Buenos Aires, tra le truppe del generale San Martin e tra gli argentini, che saranno secondo me, una nuova bellissima scoperta. Ma anche tanta musica, la tradizionale Chacarera del nord, il chamamè e l'immancabile Tango. Quindi adesso sono pronto, per entrare a far parte di quel mondo così ambiguo e allo stesso tempo fantasioso, di cui Jorge Luis Borges è tanto innamorato e al tempo stesso geloso.

..........................................


mercoledì 21 dicembre 2016

BUON NATALE #VIAGGIAUTORI


Con questo post prenatalizio, vorrei ringraziare tutti coloro che hanno partecipato in un modo o nell'altro alla realizzazione della mia guida  #viaggiautori " due settimane in Messico "
Non tutti hanno partecipato a questa iniziativa, un pò per negligenza, un pò per inadeguatezza con l'utilizzo dei mezzi informatici, comunque auguro a tutti voi un felice Natale e tanti bellissimi viaggi per l'anno che verrà.
Grazie ancora di cuore per avermi sostenuto in questo progetto




#MEXICO 
HASTA SIEMPRE 



FELIZ NAVIDAD DESDE CIUDAD DE MEXICO
................................................................................
..............................................
............................
............... 
........

martedì 29 novembre 2016

CASENTINO TRA BORGI, CASTELLI E ABAZIE



Partire dalla nebbiosa Val di Chiana in una mattina umida di novembre e raggiungere il soleggiato Casentino aretino, tra valli, boschi e borghi, è stato come affrontare un lungo viaggio. La fitta nebbia ci ha accompagnato fino alla cittadina di Capolona, dove la piatta valle del fiume Chiana lascia spazio alle valli casentinesi che ospitano il corso del fiume Arno. Qui, borghi, Castelli e Abazie, spuntano come funghi nelle colline casentinesi ornate di bosci.






Poppi, Pratovecchio, Stia e tanti altri bellissimi borghi, rappresentano più di ogni cosa, il tipico insediamento casentinese, caratterizzato dalle loro torri, abazie e i classici portici dei centri storici. Il Castello di Romena e quello di Porciano svettano con le loro torri nei fantasiosi colori dell'autunno, mentre l'abazia di Romena, domina la valle sottostante, con una splendida vista sull'intero Casentino.
 







Ma la zona non offre solo borghi e castelli, a Stia, è possibile visitare l'interessante museo della lana, ospitato all'interno di una vecchia fabbrica tessile. A lato del piccolo Arno, che nasce a pochi km da qui, il museo è un viaggio attraverso quella che era la risorsa primaria del Casentino: La lana.




giovedì 17 novembre 2016

MALTA " I MIEI PRIMI 40 ANNI"

#malta


Il giorno del mio compleanno, il quarantesimo per la precisione, è nato questa nuova breve avventura condivisa con amici di vecchia data. Durante una cena, è stata presa la decisione di partire per un week-end in direzione della piccola isola maltese, adagiata sul Mar Mediterraneo. Conosciuta insieme ad Elisa, lo scorso anno, l'isola offre tanto al visitatore, e anche se solo per due giorni, i miei compagni di merenda hanno subito accettato la proposta. Quindi con un biglietto ryanair e un hotel prenotato dall'Italia, partiamo in direzione di Ciampino per iniziare la nostra avventura. Dopo l'incomprensione con il transfert per l'hotel, raggiungiamo Sliema venerdi novembre alle ore 20.00 
 


Dopo la serata in compagnia a festeggiare i nostri 40 anni, passaimo la giornata di sabato alla scoperta della capitale, La Valletta, che grazie al buon clima, risulta una piacevole giornata di turismo. L'avevo visitata lo scorso anno di domenica ed eravamo rimasti delusi, visto che tutto era completamente chiuso, quindi ne approffitto per alcune compere e per visitare alcuni monumenti che non mi fu possibile visitare il settembre scorso. I balconcini colorati degli edifici maltesi risaltano sulle chiare pareti di arenaria, mentre il colore azzurro intenso del mare fa da sfondo al nostro girovagare
 

 








                          









I due giorni passati a Malta insieme a Jacopo, Davide e Simone, saranno un motivo in più per rafforzare le nostre amicizie e ci promettiamo di ripetere al piu presto, magari senza aspettare i nostri  "PRIMI 50 ANNI"